Situazione attuale: COVID-19 con Zarfl e Lang (02.03.20)

CORONA-IT
Views: 225

Il 2 marzo 2020 Brigitte Zarfl, capo della sezione presidenziale del Ministero della Salute, e Franz Lang, vicedirettore generale per la pubblica sicurezza e capo dello staff operativo, hanno fornito informazioni sulla situazione attuale del virus corona: in Austria sono stati effettuati 2.120 test, 16 dei quali positivi. In Italia ci sono 1.694 casi, in Germania 130.

In occasione del briefing sulla situazione, tenutosi il 2 marzo 2020 alle ore 8.30 nell’ambito del coordinamento della gestione statale delle crisi e dei disastri nel Centro di risposta e coordinamento delle emergenze (EKC) del Ministero federale dell’interno, è stata analizzata la situazione del virus corona in Austria in tutti i dipartimenti. Finora ci sono stati 2.120 test in Austria, 16 dei quali positivi. Attualmente ci sono 1.694 casi in Italia e 130 in Germania.

In tutto il mondo sono stati segnalati 89.073 casi confermati. Il numero di morti in tutto il mondo è attualmente di 3.048.

“Attualmente ci sono 16 casi confermati di virus corona in Austria, nove casi confermati a Vienna, due in Tirolo, due in Bassa Austria, due a Salisburgo e uno in Stiria. Sono stati effettuati complessivamente 2.120 test”, ha confermato Brigitte Zarfl, Capo della Sezione Presidenziale del Ministero della Salute, in occasione del briefing stampa del 2 marzo 2020 presso il Ministero dell’Interno. “La campagna di informazione lanciata sabato è stata ben accolta, come si può vedere dall’aumento delle chiamate ad entrambe le hotline della salute, ciascuna con circa 2.000 chiamate al giorno. Le persone sanno sempre più come proteggersi e cosa fare se mostrano i sintomi”, ha detto Zarfl.

“Stiamo solo notando un leggero aumento del numero di oltre 80.000 persone che soffrono di corona in tutto il mondo. Ci rende ottimisti sul fatto che la curva in Cina si stia appiattendo. Secondo le autorità coreane, l’aumento in Corea del Sud potrebbe avere qualcosa a che fare con una nuova, breve procedura di test”, ha detto Franz Lang, vice direttore generale per la sicurezza pubblica e capo della task force. “Il problema dei bambini è ancora l’Iran e l’Italia, dove ci sono 1.694 malati”, ha detto Lang.

La task force indaga costantemente su come affrontare i viaggi nei paesi colpiti e sui viaggiatori provenienti da tali paesi. “Attualmente ci sono 350 casi di isolamento in Austria, cioè queste persone non sono malate, ma hanno avuto contatti con chi è malato. Gli interessati sono molto cooperativi, e anche il grado di autosufficienza delle comunità funziona molto bene”, ha detto Lang.

Il direttore generale Lang ha anche ringraziato i media che l’informazione è stata pubblicata in modo molto ampio e denso – “lo si vede anche dalle chiamate al call center del Ministero dell’Interno”.

Dopo la prima settimana, ci sono stati anche dei giri di consulenza supplementari, come l’odierno Comitato di coordinamento SKKM e un “importante evento con gli operatori della protezione delle infrastrutture critiche (CIP) presso il Ministero degli Esteri, dove saranno discusse le prossime specifiche e raccomandazioni per le prossime settimane e i prossimi mesi”, ha detto Lang. Questo formato è dovuto all’istituzione di un partenariato di sicurezza con tutte le aree di approvvigionamento importanti per la popolazione austriaca sotto la guida della Cancelleria federale e dei ministeri competenti.

Fonte: https://www.bmi.gv.at/news.aspx?id=7438416C4E7762504B54413D (02.03.2020)

Tags: , ,

You May Also Like

Numeri di emergenza IT/AT/DE/CH
Coronavirus: Hunderte Österreicher in Quarantäne

Must Read

Menü